Mondiale Fia 2023, Guerrini e Prusak esordiscono in Svezia

La Kia e-Niro di Guerrini e Prusak nel ghiaccio svedese

Dunque dove eravamo rimasti? Sembrerebbe questa la domanda giusta da fare considerando la brevissima pausa tra la stagione 2022 appena conclusa e quella 2023 che sta per iniziare. I vicecampioni del mondo Guido Guerrini e Artur Prusak cercheranno di ripartire dall’ottima annata conclusasi con la vittoria nella gara nelle Dolomiti lo scorso novembre.

La coppia italo-polacca arriva da otto risultati consecutivi a punti e sei podi, ponendosi quindi da subito l’obiettivo di giocare le proprie carte per il campionato Fia che inizierà in Svezia tra il 26 e il 28 gennaio con l’Östersund Winter Eco Rally. Al via non ci saranno i campioni del mondo in carica Conde-Sergnese, ma la concorrenza sarà comunque agguerrita grazie alla presenza di nomi importanti tra i quali spiccano i francesi Malga-Bonnel, i cechi Žďárský-Nábělek e i bulgari Dimitrov-Pavlov. Altri equipaggi d’esperienza destinati a prendere parte a tutte le gare di coppa sono quello belga Heine-Piette, i cechi Timura-Timura, i rumeni Mester-Socaricin, i francesi Mucchielli-Maxime.

Infine completano il parco partenti ben tredici team svedesi che forse non saranno pericolosi per il titolo iridato ma avranno sicuramente molto da dire su una gara che si svolgerà quasi completamente su neve e ghiaccio. Anche quest’anno tutti i team favoriti utilizzeranno auto Kia e Hyundai. Le case automobilistiche coreane, protagoniste delle ultime due stagioni, si apprestano a vivere un’altra gloriosa annata.

Siccome squadra che (quasi) vince non si cambia, nella gara svedese Guerrini e Prusak si presenteranno ancora una volta sotto i colori di Team Autotest Motorsport e con la Kia e-Niro messa a disposizione ed allestita da K-Motor di Bolzano. La scelta è dovuta sia alle difficoltà di approntare in poco tempo un nuovo veicolo, ma anche ai risultati di efficienza che l’auto ha dimostrato nella stagione appena conclusa.

È probabile che dopo l’inizio di stagione, una volta determinati gli obiettivi e dopo la conclusione del confronto con importanti sponsor, si possa continuare il campionato con un nuovo modello di Kia. Proprio K-Motor, l’importante concessionaria altoatesina soddisfatta dei successi raccolti nella precedente stagione, sarà tra i principali protagonisti nel progetto 2023.

Ancora una volta l’unica partecipazione italiana al campionato ecologico organizzato dalla Federazione Internazionale dell’Automobile sarà quella di Team Autotest Motorsport con Guerrini e Prusak, supportata dalla sensibilità e vivacità imprenditoriali di territori con quello altoatesino e della Valtiberina toscana.

Guerrini e Prusak vincono sulle Dolomiti

Il podio dell'EcoDolomitesGT

La stagione iridata Fia dedicata alle nuove energie si è conclusa in terra italiana con l’ECOdolomitesGT, che ha emesso gli ultimi verdetti del campionato 2022.

La gara ha preso il via giovedì con cinque speciali in notturna che hanno messo in seria difficoltà molti dei partecipanti, tra cui la coppia Guerrini-Prusak del Team Autotest Motorsport, che si sono piazzati quinti molto distanziati dalla testa della corsa.

La neve ha caratterizzato alcuni dei transiti sui passi protagonisti delle nove prove della giornata di venerdì, mentre sabato l’evento si è concluso con le ultime tre speciali e con il completo recupero dell’equipaggio italo-polacco che è riuscito a risalire fino al primo posto della classifica della regolarità.

Dislivelli, basse temperature e strade di montagna hanno reso impegnativi gli oltre 400 chilometri di gara che hanno visto Fiera di Primiero punto di partenza e di arrivo di ogni tappa. Il contesto particolare di questa gara montana rende diverse dal solito le performance delle auto, penalizzate sui consumi anche dalla presenza degli pneumatici invernali.

Per la Kia e-Niro di K-Motor Bolzano e sponsorizzata Ray-Guard terzo posto nella classifica del consumi, risultato che permette di vincere la speciale classifica combinata che assegna i punti del mondiale Fia davanti ai cechi Zdarsky-Nabelek e agli sloveni Spacapan-Kobal.

Grazie a questo risultato Guido Guerrini ed Artur Prusak riescono a classificarsi secondi nella FIA Ecorally Cup preceduti di 3 punti dai baschi Conde-Sergnese. Completano il podio mondiale i cechi Zdarsky e Nabelek, secondi nella gara italiana.

Per il pilota toscano Guido Guerrini doppio record personale sia per essere andato a punti in tutte le gare stagionali, sia come numero assoluto di punti, superando il primato precedente del 2019.

Si è conclusa una stagione sportiva eccellente per il duo di Team Autotest Motorsport, che su sette gare del campionato è salito sul podio sei volte con due vittorie, un secondo e tre terzi posti.

Incredibile podio a Monte-Carlo per Guerrini e Prusak

Prusak e Guerrini dopo la premiazione

Cinque giorni di gara, altrettanti di ricognizioni, 1400 chilometri percorsi e 300 di prove speciali per arrivare sulle spiagge del Principato e ottenere i primi definitivi verdetti della stagione 2022. I baschi Conde e Sergnese sono campioni del mondo, il secondo posto sarà una lotta tra Guerrini-Prusak contro i cechi Szarsky-Nebelek. Kia è campione del mondo costruttori firmando una tripletta a Monte-Carlo. La casa costruttrice coreana ha raccolto punti in tutte le gare vincendone cinque su sei con tre piloti differenti.

Per Team Autotest Motorsport, al sesto podio consecutivo, la gara era cominciata nel migliore dei modi con la vittoria della seconda prova speciale e la testa della classifica generale mantenuta in quella successiva, permettendo a Guerrini e Prusak di essere primi in classifica per una notte. Il secondo giorno non ha regalato le stesse soddisfazioni del primo e ha costretto il team italiano a cambiare strategia puntando sui consumi, l’altra specialità che compone la classifica generale del campionato FIA dedicato alle nuove energie. Una scelta obbligata e di “marcatura”, dato che i diretti concorrenti per il podio iridato avevano già iniziato a lavorare sui consumi già alla fine della seconda giornata. La strategia si è rivelata vincente e la Kia e-Niro messa a disposizione da K-Motor e brandizzata Ray-

Guard ha vinto la classifica di efficienza permettendo a Guerrini e Prusak di salire su uno dei podi più prestigiosi del mondo dell’automobilismo. Al primo posto il monegasco Jacques Pastor e l’italiano Fulvio Gazzola (primi in regolarità e quinti in efficienza), davanti ai nuovi campioni del mondo Conde-Sergnese (settimi in regolarità e secondi in efficienza).

“Anche se il nostro podio è maturato in circostanze rocambolesche sono felice per un risultato inimmaginabile prima di oggi. Speravo di migliorare il nono posto della scorsa edizione e ci siamo riusciti vincendo anche una prova speciale. Il mondiale è chiuso ma siamo in vantaggio sui nostri competitor per la piazza d’onore e abbiamo contribuito in modo determinante al mondiale costruttori di Kia. Ringrazio il nostro team per il lavoro eccezionale in questa stagione e per l’auto sempre efficiente messa a disposizione”, dichiara Guerrini dopo la premiazione allo Yacht Club di Monaco

Con l’assegnazione in anticipo di tutti i titoli mondiali, la gara nelle Dolomiti prevista per la terza settimana di novembre servirà comunque a definire il podio mondiale, dove Guerrini-Prusak dovranno difendere dieci punti di vantaggio su Zdarsky-Nebelek, e sarà un importante test sulle novità regolamentari in vista della stagione 2023 che prenderà il via già a gennaio in Svezia.

Guerrini e Prusak in gara a Monte Carlo

La Kia di Guerrini e Prusak (Bernardo Lúcio)

C’è anche il valtiberino Guido Guerrini tra i tre piloti italiani che prenderanno parte al prestigioso E-Rallye Monte-Carlo. A due passi dall’Italia si corre il penultimo appuntamento mondiale con la concreta possibilità che il titolo costruttori e piloti possano essere assegnati con una gara di anticipo. Compito della scuderia altoatesina Autotest Motorsport, con la coppia italo-polacca composta da Guido Guerrini e Artur Prusak, sarà proprio cercare di scongiurare questa eventualità e guadagnare punti sui baschi Conde-Sergnese e sui cechi Zdarsky-Nabelek. In questo caso il titolo verrebbe assegnato sulle strade trentine ed altoatesine a metà novembre.

Sarà infatti l’Ecorally delle Dolomiti a chiudere una stagione che ha visto la Kia e-Niro di K-Motors, sponsorizzata Ray-Guard e da molte realtà valtiberine e altoatesine, salire quattro volte sul podio, vincere in Slovenia ed andare a punti in tutte le gare disputate. Discorso a parte per il titolo costruttori, che Kia potrà già vincere già a Monte Carlo grazie al vantaggio accumulato sui diretti inseguitori. I punti della casa automobilistica coreana sono tutti arrivati grazie alle vittorie e piazzamenti di Guerrini-Prusak e di Conde-Sergnese.

L’E-Rallye di Monte Carlo è celebre per la sua difficoltà e competitività. Saranno cinquantacinque gli equipaggi internazionali chiamati a percorrere oltre 370 km di prove speciali su un totale di oltre 1300 di gara suddivisi in cinque giornate. Oltre agli equipaggi che ricoprono le prime posizioni della classifica iridata, a Monaco brilleranno anche molti specialisti di questa disciplina sportiva alla caccia del prestigio che solo una vittoria sulle strade del Principato regala.

Se i giochi mondiali resteranno aperti e se Guerrini e Prusak miglioreranno il nono posto dello scorso anno lo scopriremo domenica mattina sulla terrazza del Casinò dove avverrà la premiazione e dove resteranno esposte le auto che saranno riuscite nella non facile impresa di concludere il rally. A Guerrini manca solo la matematica per blindare il podio mondiale, ma l’obiettivo del pilota di Sansepolcro è provare a regalare la più grossa soddisfazione alle realtà che hanno supportato e sostenuto una stagione da incorniciare.

Guerrini e Prusak ancora a podio nei Paesi Baschi

Le auto in ricarica a Bilbao

Le previsioni della vigilia sono state rispettate e la coppia basca Conde-Sergnese vince la gara di casa davanti ai cechi ŽďárskýNábělek e al duo italo-polacco Guerrini-Prusak. A due gare dalla fine sono rimasti questi tre gli unici equipaggi ancora matematicamente in lotta per il titolo iridato. L’obiettivo della scuderia altoatesina era quello di non perdere troppi punti in quella che era la gara di casa dei leader della classifica, e così è andata. Ora il distacco dalla testa è di 22,5 punti, quando in palio ce ne sono ancora 45.

Lungo le strade dei Paesi Baschi si è corsa una gara come sempre difficile ed avvincente, nel primo giorno caratterizzata anche dal maltempo, che ha reso ancora più complesse le prove speciali. Alla fine della prima parte di gara l’equipaggio altoatesino, a bordo della Kia e-Niro messa a disposizione da K-Motor e sponsorizzata da Ray-Guard e da molte aziende del territorio della Valtiberina toscana, non era nella parte alta della classifica. Durante il giorno successivo, nel quale va segnalata una prova speciale di oltre 77 chilometri, Guerrini e Prusak hanno scalato posizioni fino a concludere sesti nella regolarità, aggiudicandosi anche una delle prove speciali.

Il terzo posto nella speciale classifica dei consumi, frutto ormai di buona conoscenza e grande affidabilità del veicolo, ha permesso di raggiungere nella graduatoria combinata il terzo gradino del podio. Ininfluente per la classifica finale una penalizzazione per un’infrazione commessa in gara.

C’è soddisfazione per l’unico team italiano in gara nel mondiale dedicato alle nuove energie. Oltre ad aver centrato il quarto podio consecutivo e oltre ai punti raccolti in tutte le gare della stagione 2022, per Team Autotest Motorsport si concretizza sempre di più la possibilità di conquistare il podio mondiale: e il primo e secondo gradino sono ancora raggiungibili se ci sarà un buon risultato nel Rally di Monte Carlo a fine ottobre e in quello di casa delle Dolomiti a metà novembre: “È il momento di tirare fuori tutte le risorse e le energie per fare bene nel Principato e tenere aperto il campionato nell’ultima gara, dove

la nostra scuderia giocherà in casa”, ha detto il pilota toscano durante l’incontro con la stampa spagnola dopo la premiazione di Bilbao.

Guerrini e Prusak a caccia di conferme nei Paesi Baschi

La Kia eNiro di Guerrini e Prusak (foto Bernardo Lúcio)

La terzultima gara della FIA Ecorally Cup, di fatto il campionato del mondo delle auto alimentate con nuove energie, si svolgerà nei Paesi Baschi e potrebbe segnare un momento di svolta nella combattutissima stagione 2022. Il terzo “Eco Rallye Bilbao Petronor” vedrà tra gli equipaggi al via i principali protagonisti della classifica iridata, tra i quali i sei ancora matematicamente in corsa per il titolo mondiale. Padroni di casa saranno i team baschi e spagnoli, sempre a proprio agio quando corrono sulle strade della penisola iberica.

Tra questi il campione in carica 2021 e leader della classifica stagionale Eneko Conde navigato da Lukas Sergnese, la coppia Sergnese-Bermúdez (quarti al momento) e la tenace Carla Álvarez con Daniel Remón (sesti). I più vicini alla testa della classifica sono i cechi Žďárský-Nábělek e l’equipaggio italiano composto da Guido Guerrini ed Artur Prusak. Entrambi sono distanziati di quindici punti dalla coppia Conde-Sergnese. Sesti in classifica, ma ancora matematicamente in lotta i francesi Malga-Bonnel. Non è da escludere, come già accaduto in passato, che possano uscire vittoriosi nella gara anche altri piloti in lotta per il titolo nazionale spagnolo, rassegna di cui fa parte la gara basca.

Per Team Autotest Motorsport, unico equipaggio italiano in gara e fresco della recente vittoria nella gara slovena, sarà una gara apparentemente in difesa con l’obiettivo di tenere aperto il campionato in vista delle successive prove, il rally di Montecarlo e quello delle Dolomiti. Dopo il successo di Nova Gorica, frutto della messa a punto della Kia e-Niro fornita da K-Motor e supportata da importanti sponsor toscani e altoatesini, e grazie ai buoni riscontri della sessione di prove in vista delle prossime gare, c’è un moderato ottimismo che la vittoria di inizio settembre e i tre podi in quattro gare siano frutto di una crescita all’interno della squadra. Proprio dalla Valtiberina toscana si aggiunge il sostegno di nuovi partner che sosterranno Guerrini e Prusak nel complesso finale di stagione.

Guido Guerrini solo due volte è riuscito a conquistare punti nella gara basca quando aveva la precedente denominazione di Eco Rallye Vasco Navarro. Un quinto e un sesto posto, rispettivamente nel 2010 e 2011 sono il magro bottino del pilota toscano che, in veste di co-pilota ha anche avuto sempre a Bilbao l’unico ritiro per incidente in gara nella stagione 2017, che lo vide poi vincere il titolo iridato. Artur Prusak riuscì a vincere la difficile gara basca nella stagione 2018, l’ultima edizione prima del cambio di denominazione. Per Team Autotest Motorsport un secondo posto, con l’equipaggio composto da Fuzzy Kofler e Franco Gaioni, nel primo Eco Rallye Bilbao Petronor nel 2019.

Team Autotest Motorsport vince in Slovenia

Prusak e Guerrini festeggiano il successo

La partenza del 5° Mahle Eco Rally era avvenuta sulla linea di confine tra Slovenia e Italia di fronte alla stazione ferroviaria di Nova Gorica, e i circa 50 metri percorsi in territorio italiano hanno avuto qualcosa di simbolico. Con una gara difficile e piena di colpi di scena, un team italiano e un pilota italiano tornano alla vittoria. Un primo posto che in questa disciplina mancava esattamente da tre anni, quando Team Autotest Motorsport vinse proprio in Slovenia con la coppia composta da Fuzzy Kofler e Franco Gaioni. Quel giorno il polacco Artur Prusak era un avversario, mentre oggi ha contribuito in modo importante, in veste di copilota, alla vittoria del team altoatesino e del pilota toscano Guido Guerrini.

La gara era cominciata nel migliore dei modi con l’auto altoatesina, sponsorizzata da Ray Guard, già in testa nella prima prova speciale e fino alla fine del primo giorno di gara. Un problema tecnico sembrava avere compromesso l’impresa sportiva, ma l’esperienza di Guerrini e Prusak, assistiti da remoto dal resto del team, ha permesso di limitare i danni e chiudere la classifica al secondo posto dietro agli sloveni padroni di casa Špacapan-Kobal. Il successo è arrivato grazie al quarto posto della Kia di Team Autotest Motorsport nella speciale graduatoria dei consumi. I due risultati combinati hanno avuto come esito il miglior punteggio tra tutti gli equipaggi in gara. Secondo il campione del mondo Eneko Conde con Lukas Sergnese e terzi gli altri spagnoli Carlos Sergnese e Laura Bermudez.

Ora il mondiale è apertissimo e gli alfieri di Autotest Motorsport sono saliti al secondo posto. La Kia e-Niro di K-Motor, invece, rafforza il primato nella classifica costruttori guadagnando sulle dirette avversarie. Con tre gare ancora da svolgere, Paesi Baschi, Monte Carlo e Dolomiti, il campionato potrà ancora riservare interessanti sorprese.

Guerrini e Prusak a caccia di punti in Slovenia

La Kia eNiro di Guerrini e Prusak durante il rally del Portogallo dello scorso giugno (foto Bernardo Lúcio)

Ancora una volta il pilota toscano Guido Guerrini, in gara con i colori del team altoatesino Autotest Motosport assieme al copilota Artur Prusak, sarà l’unico italiano a prendere il via ad una gara valevole per il mondiale FIA di categoria. Una partecipazione possibile anche grazie al sostegno di due territori, Alto Adige e Valtiberina toscana, che credono nel progetto dedicato alle gare ecologiche e permettono alla Kia e-Niro messa a disposizione da K-Motor di tenere aperto un campionato che al momento vede Guerrini e Prusak in terza posizione dietro agli spagnoli Conde-Sergnese e ai cechi Žďárský-Nábělek. Il team italiano è finora sempre andato in zona punti ed è reduce da due podi consecutivi in terra ceca e portoghese. Manca ancora il gradino più alto e sicuramente la difficile gara nel paese ex jugoslavo sarà una ghiotta occasione nonostante una forte concorrenza ai nastri di partenza.

Sarà inedito il percorso che caratterizzerà il quinto Mahle Eco Rally. Partenza e arrivo sempre a Nova Gorica come nelle passate edizioni, ma gli oltre 400 chilometri di gara, di cui 210 distribuiti in 11 prove speciali, vedranno i circa 30 equipaggi raggiungere la capitale Lubiana dove la carovana si fermerà venerdì sera. Tra i favoriti del Mahle Eco Rally c’è sicuramente la coppia di casa Špacapan-Kobal, vincitrice della scorsa edizione, oltre ai già citati Conde-Sergnese e Žďárský-Nábělek, i francesi Malga-Bonnel, i bulgari Dedikov-Dedikova e i baschi Sergnese-Bermudez. Ad eccezione di questi ultimi, ancora una volta tutti i principali concorrenti gareggeranno a bordo delle sudcoreane Kia o Hyundai, le uniche auto in grado di eccellere nella classifica dei consumi.

Sempre a Nova Gorica debutterà la modifica regolamentare che costringerà i concorrenti a non dedicarsi solo alla classifica della regolarità o a quella dei consumi. Se non ci si classifica nelle prime dieci posizioni in entrambe le discipline si avrà una decurtazione del 50% dei punti raccolti, destino quasi inevitabile per coloro che non saranno a bordo di una Kia o di una Hyundai o per gli equipaggi che commetteranno errori di navigazione.

Il campionato sarà ancora lungo e da disputare, oltre alla gara in Slovenia del prossimo fine settimana, ci saranno il rally dei Paesi Baschi, quello prestigioso di Monte Carlo e la gara di casa nelle Dolomiti, programmata per metà novembre.

Team Autotest Motorsport ancora a podio nel mondiale delle elettriche

Guerrini e Prusak terzi all’Estoril

Gli alfieri di Team Autotest Motorsport ancora a podio nel mondiale delle elettriche

Con il terzo posto in Portogallo Guerrini e Prusak restano in corsa per un titolo iridato che si preannuncia tra i più contesi degli ultimi anni. Un podio difficile considerando il lotto di importanti avversari al via della gara lusitana, da sempre una di quelle con la migliore organizzazione dell’intero campionato.

Il pilota toscano e il copilota polacco, in gara con l’unico team italiano presente nel mondiale Fia dedicato alle nuove energie, hanno vinto la classifica dei consumi grazie alla quale sono riusciti a raggiungere il podio. Per la terza volta in tre gare il vincitore della graduatoria dei consumi riesce a salire sul podio nonostante un risultato non eccellente nella regolarità. La Kia e-Niro messa a disposizione da K-Motors ha avuto i 2500 chilometri che separano Bolzano dall’Oceano Atlantico per trovare la giusta messa a punto determinante nella graduatoria dell’efficienza.

Per Guido Guerrini si tratta dei primi punti raccolti nella propria carriera nella gara portoghese, per Artur Prusak del terzo podio in quattro anni e per Team Autotest Motorsport il primo buon risultato in terra lusitana dopo il secondo posto di Fuzzy Kofler e Franco Gaioni nella gara del 2019.

Nella conferenza stampa di fine gara tenutasi presso il Lagoa Park Hotel di Porto Salvo, Guerrini ha raccontato le difficoltà logistiche avute per arrivare in Portogallo in tempo per la gara e ha manifestato la propria contentezza per il terzo posto che tiene la coppia italo-polacca in corsa per il campionato: “La pausa estiva sarà necessaria per ampliare il progetto attorno al nostro team e raccogliere ulteriori risorse per arrivare a giocarsi il campionato nelle quattro gare mancanti”, ha aggiunto Guerrini, ribadendo il proprio ringraziamento alle realtà valtiberine e altoatesine che stanno rendendo possibile la partecipazione di un team italiano al campionato del mondo.

La Fia ecoRally Cup riprendera la prima settimana di settembre con la gara prevista in Slovenia per poi proseguire tra ottobre e novembre con Paesi Baschi, Monte Carlo e Dolomiti.

Classifica mondiale:

  • 1 Conde (ESP) 60
  • 2 Zdarsky (CEC) 58,5
  • 3 Guerrini (ITA) 40,5
  • 4 Sergnese (ESP) 31,5
  • 5 Alvarez (ESP) 24

Kia, grazie a due vittorie ed un secondo posto si conferma in testa al mondiale costruttori:

  • 1 KIA 63
  • 2 Hyundai 58,5
  • 3 MG 31,5

Trasferta in Portogallo per Team Autotest Motorsport

La Kia eNiro dell'equipaggio Autotest Motosport durante il rally ceco dello scorso maggio

L’Ecorally di Oeiras, ridente località nei pressi di Lisbona, per Team Autotest Motorsport non sarà solo la terza prova del campionato mondiale FIA dedicato alle auto elettriche, ma anche un coraggioso drive test. La Kia e-Niro fornita da K-Motor verrà messa alla prova sui 2500 chilometri che separano il Südtirol dall’Oceano Atlantico. Cinquemila chilometri, tra andata e ritorno, per dimostrare che già oggi con un’auto elettrica è possibile attraversare, in sicurezza e tranquillità, il continente europeo.

Alla gara portoghese prenderanno parte tutti i principali team al vertice della classifica iridata. Per l’unica squadra italiana al via, composta da Guido Guerrini e Artur Prusak, che attualmente sono al terzo posto del campionato, la possibilità di raccogliere punti in una delle gare più difficili e che vedrà tre prove speciali nello storico circuito dell’Estoril. Quaranta i team in gara, dei quali almeno dieci o quindici con possibilità di vittoria. Guerrini non è mai andato a punti in questa gara, mentre Prusak è salito due volte sul podio.

La cancellazione della gara prevista a metà luglio in Islanda farà dell’Oeiras Ecorally l’ultima prova prima della pausa estiva. Sulle spiagge portoghesi saranno in palio punti pesanti che potrebbero già definire quali saranno gli equipaggi a contendersi il trofeo mondiale 2022.